Cecila Bartoli – Una voce poco fa (Ópera El Barbero de Sevilla)

Letra original / traducida

Una voce poco fa

Una voce poco fa
Qui nel cor mi risuonò;
Il mio cor ferito è già,
E lindor fu che il piagò.

Sì, Lindoro mio sarà
Lo giurai, la vincerò
Sì, Lindoro mio sarà,
Lo giurai, la vincerò

Il tutor ricuserà
Io l’ingegno aguzzerò
Alla fin s’accheterà
E contenta io resterò

Sì, Lindoro mio sarà
Lo giurai, la vincerò
Sì, Lindoro mio sarà
Lo giurai, la vincerò

Io sono docile, son rispettosa,
Sono obbediente, dolce, amorosa;
Mi lascio reggere, mi fo guidar.

Ma se mi toccano
Dov’è il mio debole
Sarò una vipera, sarò
E cento trappole
Prima di cedere
Farò giocar, farò giocar

E cento trappole
Prima di cedere
Farò giocar, farò giocar

E cento trappole
Prima di cedere
E cento trappole
Le farò giocar

Io sono docile, son obbediente
Mi lascio reggere, mi fo guidar
Ma se mi toccano
Dov’è il mio debole
Sarò una vipera, sarò
E cento trappole
Prima di cedere
Farò giocar, farò giocar

E cento trappole
Prima di cedere
Farò giocar, farò giocar

E cento trappole
Le farò giocar
E cento trappole
Farò giocar, farò giocar

Autor: G. Rossini Sterbini


Poco hace una voz

Poco hace una voz
Aquí en mi corazón resonó
Mi corazón ya está herido
y Lindor fue el que lo hirió

Sí, Lindoro, mío será
lo juré, yo venceré
Sí, Lindoro, mío será
lo juré, yo venceré

El tutor se negará
El ingenio agudizaré
Al final se calmará
Y contenta yo quedaré

Sí, Lindoro, mío será
lo juré, yo venceré
Sí, Lindoro, mío será
lo juré, yo venceré

Yo soy dócil, soy respetuosa
Soy obediente, dulce, amorosa
Me dejo abrazar, me dejo guiar
Pero si me tocan
Donde está mi debilidad
Seré una víbora, seré
Y cien trampas
Antes de rendirme
Haré caer, haré caer*

Y cien trampas
Antes de rendirme
Haré caer, haré caer*

Y cien trampas
Antes de rendirme
Y cien trampas
Haré caer*

*Aunque el significado literal de «giocar» es jugar, en el contexto se hace referencia a las trampas, por lo que tiene más sentido traducirlo por «caer»